Come migliorare la fiducia in se stessi e l’autostima grazie allo yoga 4.95/5 (21)

Ti è mai capitato di perdere la tua autostima, di non sapere che strada prendere perché non credi in te stesso oppure di non sentirti sicuro?

Capita a tutti prima o poi di non avere fiducia in se stessi, l’importante però è affrontare questi momenti correttamente, non abbattersi e riprendere in mano la propria vita.

“Quando sarai contento di essere semplicemente te stesso, non farai confronti e non competerai, tutti ti rispetteranno.”

Lao Tzu

A volte la mancanza di fiducia insorge per poco tempo, a causa di un’esperienza poco felice che ti è capitata, altre invece è una costante interiore che viene da alcune credenze limitanti per esempio: “non valgo abbastanza”, “non ce la farò mai”, “perché proprio io” ecc.

Queste credenze spesso sono inserite nell’inconscio da bambini e così ci rimproveriamo nello stesso modo in cui altri hanno fatto con noi.

Ora però siamo cresciuti ed è il momento di lasciar andare i pensieri negativi, di accettarsi e di coltivare l’autostima. Lo yoga, come scienza universale, ti può aiutare anche in questo caso ed in questo articolo ti spiegherò come.

Scoprirai cos’è la fiducia in se stessi, perché è fondamentale non perderla, le cause della mancanza di autostima, alcune pratiche yoga per credere nuovamente in se stessi e molto altro ancora.

Buona lettura… 😉


  • Se ancora non l’hai fatto ti invito a iscriverti gratuitamente alla newsletter del blog e ad unirti alle migliaia di persone che già fanno parte della community. Riceverai gli estratti delle guide, avrai accesso alle risorse finora inviate agli iscritti,  alcune offerte speciali sui manuali e inoltre riceverai tutti i nuovi articoli direttamente via email.

    Iscriviti ora


Che cos’è la fiducia in se stessi e perché è fondamentale nella vita

Fiducia in se stessi

La fiducia in se stessi detta anche autostima è, come la parola stessa dice, la “stima” che hai di te stesso, il tuo “valore“.

Fidarsi di sé è quindi darsi il giusto valore.

Il termine “fiducia” invece, viene dal latino “fidere“, aver fede, quindi “credere”.

Ma credere e avere fiducia in che cosa? 

In questo caso in te stesso. Sapere che ce la stai facendo con quello che stai affrontando ora, che ce l’hai sempre fatta in passato e che ce la farai in futuro, qualunque cosa ti succederà.

Credere in se stessi è veramente importante perché incide incredibilmente sulla propria vita. Naturalmente non bisogna lasciare che questo atteggiamento prenda il sopravvento a causa dell’ego e cercare di non perdere mai di vista l’umiltà.

Ricordati che tu sei l’artefice di te stesso, tu crei te stesso. La tua immagine dentro e fuori di te viene dai tuoi pensieri su te stesso.

Se pensi di essere perfetto così come sei, che puoi e sai affrontare le sfide della vita e che le affronti a modo tuo, e va bene così, hai fiducia in te e questo ti rende una persona responsabile.
Avere fiducia in te stesso è importante perché non solo tu hai bisogno di te, ma anche chi ti sta intorno.

Quando hai autostima, e attraverso questa esprimi te stesso, tutti ne beneficiano.

Pensa per un momento al tuo passato e cerca di ricorda una fase della tua vita in cui stavi bene ed avevi fiducia in te stesso.

Come stavano le persone che ti stavano accanto? Erano felici?

Sono sicura che la tua autostima faceva si che anche le persone che ti erano vicine stessero bene. O sbaglio?

Se invece non sei sicuro di te stesso e hai l’autostima sotto le suole delle scarpe, purtroppo la vita ti prende a pugni.

Andiamo ora a scoprire perché a volte ci si sente insicuri.


Perché si sviluppa la mancanza di fiducia in se stessi

Mancanza di fiducia in se stessi

La psicologia, in generale, asserisce che la mancanza di autostima derivi da una differenza che si sviluppa tra ciò che si vorrebbe essere e ciò che si è realmente.

Quando c’è molta discrepanza tra le due visioni, si ha bassa stima di sé e del proprio valore.

Le cause della mancanza di fiducia in se stessi vanno ricercate, come abbiamo precedentemente accennato, nell’infanzia e nell’adolescenza, nel modo in cui sono state considerate e gestite le emozioni e i rapporti con gli altri.

Gli studi di psicologia evidenziano alcune delle più comuni cause di una bassa autostima sono:

  • Un’infanzia complicata.
  • Crescere con genitori che, per problematiche di dipendenza, depressione o altre, portano i bambini a diventare grandi troppo in fretta, in un’età in cui dovrebbero ancora formare la propria personalità.
  • Genitori o insegnanti intransigenti, che richiedono ai figli perfezione in tutte le loro attività, come a scuola, nello sport ecc. E che, nonostante i bambini si impegnino, per loro non sarà mai abbastanza.
  • Famigliari che rivolgono sentimenti di rabbia e frustrazione verso il bambino, con insulti, regole assurde ecc.

Comunque, qualsiasi sia la causa della tua mancanza di fiducia in te, è inutile ora dare delle “colpe” ai genitori o a chiunque abbia avuto un ruolo in questo. Sicuramente hanno fatto tutto questo inconsciamente e anche con le migliori intenzioni.

Ma lo yoga ci insegna che il passato non si può cambiare ed il futuro è irreale. Perciò, possiamo agire solo nel presente ed è quello che conta veramente.

Inoltre, da un punto di vista più spirituale, sappiamo che ogni anima sceglie la famiglia in cui nascere e crescere poiché, è attraverso il rapporto con questa che scopre se stessa.

“Abbi fiducia nella tua sfiducia”, perché è attraverso l’osservazione di te stesso e l’accettazione di ciò che definisci le tue debolezze, che puoi fare un salto di consapevolezza e crescere come persona.


Come e perché lo yoga può aiutare a sviluppare sicurezza in noi stessi

Sviluppare sicurezza con lo yoga

Lo yoga in generale aumenta la consapevolezza di te stesso, mettendoti in contatto con il tuo vero Sé. Più sei in contatto con il vero Sé, più fluisci nella vita ed hai fiducia in te e in tutto ciò che ti circonda.

Come spiegato nel paragrafo precedente, una bassa autostima si sviluppa quando ciò che vorresti essere è diverso da quello che sei nel presente.

Tutto questo è causato dall’immaginazione, che prende il sopravvento e va perciò combattuta.

Lo yoga ti permette di vivere sempre di più il momento presente, il qui ed ora, e così tutti i fantasmi della mente, come in questo caso l’immaginazione che causa scarsa fiducia, scompaiono lentamente per lasciare il posto solo a ciò che è reale.

Inoltre la pratica degli asana, grazie al rafforzamento della forza di volontà e lo sviluppo della pazienza, ti permette di affrontare giorno dopo giorno le tue difficoltà e piano piano di superarle. Questo con il tempo fa nascere una incredibile fiducia in te stesso, non solo nella pratica ma anche nella vita.

Andiamo ora a scoprire alcune posizioni specifiche per aumentare la fiducia in te stesso.

Scopri anche:


Posizioni yoga per accrescere l’autostima

Le posizioni yoga che sviluppano la fiducia in se stessi sono per lo più quelle di equilibrio in piedi e quelle che rafforzano gli arti inferiori.

Questo perché è nella forza della concentrazione, dell’equilibrio interiore e di “camminare sulle proprie gambe” che si sviluppa la propria forza interiore.

Queste posizioni stimolano Muladhara chakra, il primo chakra, e quindi anche l’elemento terraaumentando il radicamento e la sicurezza in sé stessi.

Vrkasana, la posizione dell’albero

Vrksasana

  1. In posizione eretta, con i piedi uniti e le braccia lungo i fianchi;
  2. Fissa lo sguardo su un punto davanti a te, all’altezza dei tuoi occhi;
  3. Piega la gamba destra, afferra la caviglia e metti la pianta del piede all’interno della coscia sinistra;
  4. Tieni la caviglia fino a quando il corpo è equilibrato, poi porta le mani al torace nella posizione di preghiera (o in alto sopra la testa);
  5. Tieni la posizione per 10 respiri, poi cambia gamba.

Per approfondire questa posizione leggi anche Vrksasana, la posizione dell’albero: guida, consigli e benefici

Ardha Chandrasana, posizione della mezza luna

  1. Ardha ChandrasanaDa Adho Mukha Svanasana fai un passo in avanti con il piede destro;
  2. Inclinati in avanti alzando il piede sinistro e sposta le mani leggermente davanti al piede a terra;
  3. Allunga verso l’alto ed indietro la gamba sinistra;
  4. A questo punto cerca di radicarti a terra concentrandoti sulla gamba e sul braccio che ti sostengono;
  5. Ora ruota il braccio verso l’alto e lascia che il petto si apra, portando la spalla superiore verso il cielo;
  6. Infine solleva anche il braccio sinistro e, se riesci, guarda la mano in alto. Altrimenti puoi anche guardare un punto fisso davanti a te oppure anche sul pavimento;
  7. Rimani nella posizione per 5/10 respiri profondi.

Virabhabrasana 1, la posizione del guerriero 1

  1. Virabhadrasana 1Da Tadasana fai un grande passo indietro con la gamba sinistra andando a posizionare il tallone sinistro sulla stessa linea di quello destro. Il piede sinistro dovrebbe essere ruotato internamente di circa 45°/60°;
  2. Espirando, piega il ginocchio destro fino ad arrivare con quest’ultimo sopra la caviglia, cerca di non andare mai oltre;
  3. Stabilizza bene le gambe e successivamente, inspirando, solleva le mani verso il cielo fino ad unire i palmi sopra la testa. Puoi guardare in avanti (meno intensa per il collo) oppure anche le mani in alto (leggermente più impegnativa);
  4. Rimani nella posizione dai 5 ai 10 respiri profondi;
  5. Infine, ritorna in Tadasana ed esegui il tutto dall’altro lato.

Per saperne di più su questa posizione puoi leggere anche questo articolo Virabhadrasana 1, la posizione del guerriero 1: guida, consigli e benefici.

Se sei interessato ad approfondire l’esecuzione degli asana, i loro benefici, le varianti e gli allineamenti più importanti dai un’occhiata alla guida premium che ho scritto su questo argomento: Yogasana, la guida alle posizioni base dello yoga


Un mudra per credere di più in se stessi

Pran mudra per credere in se stessi

La mancanza di autostima è sintomo di una debolezza interiore, di mancanza di concentrazione ed equilibrio.

Il Pran mudra, che ti sto per illustrare, può aiutarti ad attivare il chakra della radice accrescendo la vitalità, riducendo la stanchezza fisica e mentale, accrescendo la capacità di resistere di fronte agli ostacoli e così  la fiducia in te stesso aumenta.

Utilizza questo mudra quando senti che ne hai bisogno, per circa 10 minuti al giorno, e continua a praticarlo per un breve periodo o comunque fino a che ti senti meglio in questo aspetto della tua vita.

Praticare questo gesto è molto semplice:

  1. Assumi una posizione meditativa;
  2. Porta le mani sulle ginocchia ed unisci la punta del mignolo, dell’anulare e del pollice;
  3. Respira consapevole e immagine di essere un’albero forte con radici profonde.

Puoi anche ripetere mentalmente questo sankalpa: “io sono forte e radicato come un albero che rimane impassibile alle intemperie, così affronto le sfide della vita con impegno e serenità“.

Per saperne di più sui mudra puoi leggere questo articolo oppure dare un’occhiata anche a RiequilibrioElementare, la guida premium dove sono approfonditi anche 5 mudra specifici per riequilibrare i 5 elementi.


Fiori di Bach per sviluppare maggiore sicurezza in se stessi

Fiori di Bach per maggiore sicurezza in se-stessi

I fiori di Bach sono sostanze naturali che aiutano a riequilibrare stati alterati di emozioni, umori, sentimenti ecc. Il nome deriva da Edward Bach (1886- 1936), il dottore che scoprì questo metodo curativo ed ora esistono 38 diverse essenze floreali che sviluppano il riequilibrio di specifici stati emotivi.

Questi sono i fiori di Bach che stimolano la fiducia in se stessi, la forza di compiere il proprio dovere, di ritrovare lo spirito combattivo, l’accettazione di se stessi e dei propri limiti:

  • Larch,
  • Pine,
  • Elm,
  • Sweet Chestnut,
  • Star of Bethlehem,
  • Willow,
  • Oak ,
  • Crab Apple

Per scegliere il mix di fiori giusto per te, chiedi ad un naturopata esperto o al tuo erborista di fiducia.


Altri consigli per ritrovare la propria autostima

Consigli per ritrovare l'autostima

  • Non fare confronti con gli altri. Tu sei unico ed ognuno esprime sé stesso nella sua unicità.
  • Osserva i tuoi pensieri e comincia ad eliminare i pensieri che vengono da convinzioni limitanti come “non valgo abbastanza”, “perché proprio io” ecc. Naturalmente per essere consapevole dei tuoi pensieri c’è bisogna di molta pratica di yoga, ma soprattutto di molta meditazione. Per combattere i pensieri negativi puoi anche usare il pensiero positivo.
  • Vivi nel presente. Non lasciare che la mente se ne vada nel passato o nel futuro perché insorgeranno pensieri non reali e la mancanza di fiducia è una di questi.
  • Sii grato di quello che sei e quello che la vita ti ha donato. Spesso la mente se ne va su cosa vorremmo e questo purtroppo fa si che ci dimentichiamo tutto quello che abbiamo. Cerca di evitare questo atteggiamento e si grato di quello che sei.
  • Vai oltre le difficoltà ed i fallimenti. A tutti capita di affrontare situazioni difficili nella vita e prima o poi tutti falliscono. La differenza però tra una persona con bassa autostima ed una persona con grande fiducia è la reazione. Ricorda che tutto cambia, anche le cose negative, e perciò non ha senso restare aggrappati ai nostri fallimenti. Inoltre, sono proprio i periodi peggiori in cui si tirano fuori il meglio di noi stessi.
  • Inoltre, se vuoi approfondire l’argomento, ti consiglio alcuni libri che a me sono stati utili:

Conclusioni

Grazie a questo articolo, ora sai bene che la scarsa fiducia in se stessi, non è altro che un fantasma della mente, che insorge ogni volta che non accetti chi sei e vorresti essere in un altro modo.

Se praticherai yoga e meditazione con costanza, sono sicura che i piccoli traguardi raggiunti nella pratica, ti aiuteranno incredibilmente nella vita. Sarai più forte sia mentalmente che fisicamente, riuscirai a controllare meglio i tuoi pensieri e con il tempo la scarsa autostima lascerà il posto ad una maggiore sicurezza in te stesso.

Cerca di applicare i consigli che ti ho dato e di praticare quello che ti ho suggerito. Fammi sapere nei commenti come va.

Buona pratica e namastè! 😀


Spero tanto che questo articolo ti sia stato utile. Se così è, condividilo nel tuo canale social preferito usando i pulsanti di seguito, così sarà utile anche ai tuoi amici. Per me invece è una piccola ricompensa per il lavoro fatto. 😉


  • Se ancora non l’hai fatto ti invito a iscriverti gratuitamente alla newsletter del blog e ad unirti alle migliaia di persone che già fanno parte della community. Riceverai gli estratti delle guide, avrai accesso alle risorse finora inviate agli iscritti,  alcune offerte speciali sui manuali e inoltre riceverai tutti i nuovi articoli direttamente via email.

    Iscriviti ora

*Immagini tratte da Bigstock

(Visited 1.888 times, 1 visits today)

Please rate this