Savasana, la posizione del cadavere nello yoga 5/5 (6)

Se hai praticato yoga almeno una volta sicuramente conoscerai già Savasana, la posizione yoga di rilassamento finale.

Anche conosciuta some Shavasana, viene praticata solitamente alla fine di una sessione di yoga ed ha lo scopo di far rilassare profondamente sia il corpo che la mente. In questo modo tutti i benefici ottenuti durante la pratica possono essere ben assimilati ed arrivare in profondità.

Anche se può sembrare un pisolino alla fine della pratica 😀 , è una vera e propria posizione, proprio come tutte le altre che ho già trattato nell’elenco degli asana.

In questo articolo imparerai come eseguirla, quali sono le precauzioni da tener a mente, le possibili variazioni, i suoi benefici ed inoltre ti darò numerosi consigli per eseguirla al meglio.

Buona lettura e buon rilassamento con Savasana 😉


  • Se ancora non l’hai fatto ti invito a iscriverti gratuitamente alla newsletter del blog e ad unirti alle migliaia di persone che già fanno parte della community. Riceverai gli estratti delle guide, avrai accesso alle risorse finora inviate agli iscritti,  alcune offerte speciali sui manuali e inoltre riceverai tutti i nuovi articoli direttamente via email.

    Iscriviti ora alla newsletter


Caratteristiche generali

caratteristiche savasana

In Sanscrito Sava significa cadavere e Asana significa postura, perciò Savasana (o Shavasana) è considerata la posizione del cadavere.

E’ chiamata in questo modo perché quando si pratica si dovrebbe raggiungere il rilassamento totale sia del corpo che della mente, proprio come un cadavere.

Restare immobili e rilassarsi sembra molto semplice, ma in realtà è molto più complicato di quanto si pensi.

Da alcuni grandi maestri di yoga, come B.K.S. Iyengar e K. Pattabhi Jois, Savasana è considerata anche la posizione più difficile da assumere. Infatti molti praticanti esperti possono fare semplicemente asana difficili come piegamenti all’indietro, torsioni, posizioni di equilibrio piuttosto complicate, ma quando eseguono questa postura finale hanno delle difficoltà nel controllare la mente.

Questo perché l’arte del rilassamento è molto più difficile di quello che sembra e, a differenza di tutti gli altri asana, richiede di rilassare la mente per arrendersi totalmente al momento presente.

“Lasciarsi andare è l’asana di gran lunga più difficile”

B.K.S. Iyengar in Vita nello Yoga


Precauzioni e controindicazioni

precauzioni e controindicazioni savasana

Proprio come tutte le altre posizioni anche Savasana ha delle controindicazioni da tenere a mente.

Comunque se hai problemi particolari parlane con il tuo insegnante o con un dottore, prima di praticare questa o qualsiasi altra posizione yoga.


Come fare Savasana

come praticare savasana

  1. Innanzitutto sdraiati sul tappetino delicatamente.
  2. Ora piega le ginocchia e portale al petto. Noterai come questo semplice movimento fa si che la zona lombare si distenda ulteriormente. A questo punto, distendi lentamente una gamba alla volta riportandole entrambi a terra in modo che siano leggermente divaricate.
  3. Rilassa entrambe le gambe facendo si che le punte dei piedi ruotino leggermente verso l’esterno. Assicurati che siano aperte e ruotate equamente. Se non lo sono, aggiustati come puoi affinché lo siano.
  4. Adesso focalizzati nella zona delle spalle. E’ importante che siano aperte e rilassate. Per aiutarti nell’apertura, puoi alzare le braccia in posizione perpendicolare al pavimento. Questo semplice gesto ti aiuterà ad aprire le scapole e quindi anche tutta questa zona. Ora, tenendo le spalle ferme, delicatamente porta le braccia a terra posizionandole ai lati del corpo alla stessa distanza. A questo punto lascia che si rilassino e che si aprano verso l’esterno. Usa la mente ed il respiro per far si che si rilassino ulteriormente
  5. Ora porta l’attenzione al collo. Quest’ultimo dovrebbe trovarsi eretto in modo che le due orecchie siano alla stessa distanza da ciascuna spalla. Cerca di distendere tutto il collo in modo che si trovi sia allungato che rilassato.
  6. Infine devi focalizzarti sulla testa. E’ importante che riesca a rilassare tutti i muscoli facciali e anche gli organi di senso. Porta l’attenzione prima alla lingua, rilassandola, e successivamente agli occhi, rivolgendo lo sguardo verso l’interno.
  7. Lascia che il respiro entra ed esca naturalmente, senza forzarlo in nessun modo.
  8. Lascia il corpo totalmente abbandonato a terra. Sentilo pesante e lascia che si rilassi sempre di più ad ogni respiro.
  9. Rimani in questa posizione un minimo di 10 minuti. Una regola generale è che si dovrebbe mantenere Savasana per 5 minuti ogni 30 minuti di pratica.
  10. Per uscire dalla posizione del cadavere comincia a muovere leggermente i piedi, le mani ed il collo. Ora ruota delicatamente tutto il corpo verso destra e rimani in questa posizione per qualche respiro. Infine, aiutandoti soprattutto con la mano sinistra, alzati lentamente e ritorna in posizione seduto.Ora non ti resta altro che continuare la tua giornata portando con te la calma e la pace che hai appena sperimentato con lo yoga e con Savasana.

Se vuoi saperne di più sui principi da seguire per praticare correttamente tutti gli asana puoi leggere questo articolo oppure dare un’occhiata a YogAsana, la guida premium sulle posizioni base dello yoga.

Scopri YogAsana


Consigli per principianti

consigli per principianti

Per migliorare l’esecuzione di questo asana ricorda i seguenti questi consigli, sono sicuro che ti permetteranno di rilassarti meglio.

  • Se sei nuovo in questo mondo oppure già pratichi da un po’ di tempo, il più grande consiglio che ti posso dare è di non saltare mai Savasana. Se vai di fretta oppure hai poco tempo per praticare, è sicuramente preferibile che fai qualche asana in meno con un buon rilassamento finale, invece di fare più posizioni e magari fare la posizione del cadavere di fretta. Il rilassamento profondo finale è cruciale per far si che non si esca dalla pratica con delle tensioni e per far penetrare gli effetti benefici dello yoga in profondità.
  • Il corpo in questa posizione si raffredda molto rapidamente. Una coperta da yoga per Savasana ti aiuterà notevolmente sia per non sentire freddo che per restare più rilassato nella posizione.
  • Un altro modo per facilitare la posizione è usare una fascia, un asciugamano o qualsiasi cosa da mettere sopra gli occhi per evitare che la troppa luce disturbi il rilassamento finale.

Se è da poco che hai iniziato a fare yoga ti consiglio di leggere anche questi due articoli che ti saranno sicuramente utili:

Oppure di dare un’occhiata anche alla mia guida premium EasyYoga: il manuale per cominciare a fare yoga in modo semplice ed efficace.

Scopri EasyYoga


Variazioni di Savasana

variazioni savasana

Dato che Savasana deve essere mantenuta per molto tempo e dato che ci si deve sentire profondamente rilassati, è importantissimo che fai gli opportuni aggiustamenti per migliorare il rilassamento.

Ecco alcune variazioni che puoi provare:

  • Come già accennato precedentemente, se sei in cinta non dovresti fare Savasana completamente distesa a terra. Metti un bolster, dei cuscini o delle coperte sotto il torace e la testa in modo da tenerli entrambi sollevati da terra, leggermente al di sopra del ventre.
  • Se hai qualche dolore o problemi nella zona lombare puoi usare un bolster e metterlo sotto le ginocchia. In questo modo le vertebre lombari ed i muscoli vicino si rilasseranno maggiormente.
  • Se invece hai problemi al collo o comunque durante la pratica sorgono delle tensioni in questa zona, una buona idea è di mettere un cuscino molto basso o un asciugamano ripiegato sotto al collo ed alla testa in modo che sia leggermente sollevata da terra.

I benefici della posizione del cadavere

benefici savasana

Non occorre molta esperienza per capire i profondi benefici si Savasana. Fin dalle prime volte che si pratica ci si sente più rilassati, meno stressati e meno stanchi. Ma questi sono solo alcuni dei numerosi benefici della posizione del cadavere.

Andiamo a vederli uno per uno.

  • E’ profondamente rilassante per la mente;
  • Allevia lo stress;
  • Lievi forme di depressione scompaiono;
  • Aiuta con l’insonnia e migliora il sonno;
  • Riduce la stanchezza;
  • Riduce e fa scomparire le tensioni muscolari;
  • Riduce l’ansia;
  • Migliora la concentrazione e la memoria;
  • Aiuta ad abbassare la pressione;
  • Riduce il mal di testa;
  • Permette che gli effetti benefici della pratica arrivino in profondità.

Per scoprire invece quali sono tutti i benefici dello yoga puoi leggere anche questi articoli:


Conclusioni

Come avrai certamente capito Savasana è estremamente benefica ma non è semplicissimo arrivare ad un completo rilassamento finale. Il corpo e sopratutto la mente causano distrazioni che non sono facili da togliere.

Se hai già praticato la posizione del cadavere saprai sicuramente che appena provi a rilassarti ti vengono in mente mille pensieri.

Alcuni fra i più comuni sono:

  • Che cosa ho per cena?
  • Quanto tempo ancora starò in questa posizione? 
  • Sono tutto sudato, non vedo l’ora di farmi la doccia…
  • Sono terribilmente affamato…
  • Che giornataccia che ho avuto!
  • E se poi mi addormento e comincio a russare…

Potrei continuare per ore.

Non preoccuparti è del tutto normale che questi insorgano e che la mente resista al rilassamento completo. Ricorda che Savasana è la totale arresa al momento presente. Ci vuole molto tempo, tanta pratica e sopratutto molta pazienza prima di riuscire ad arrendersi completamente.

Sfortunatamente oggigiorno la società ci obbliga ad andare sempre di corsa ed a essere sempre più produttivi, facendoci dimenticare come si sta bene quando siamo del tutto rilassati.

Grazie a Savasana però, possiamo allenarci e riuscire a fermarsi per un momento, calmare la mente, fermare tutte le nostre preoccupazioni, rilassare tutto il corpo e riuscire a vivere il momento presente.

Per approfondire il rilassamento profondo che la posizione del cadavere induce ti consiglio di leggere anche questo articolo: Il rilassamento profondo nello yoga: cos’è, i benefici e come si pratica


Se questo articolo ti è piaciuto e ti è stato utile ti invito a condividerlo nel tuo social network preferito tramite i pulsanti di seguito, in questo modo lo potranno leggere anche i tuoi amici e sarà utile anche a loro.

Grazie e namaste! 😀


  • Se ancora non l’hai fatto ti invito a iscriverti gratuitamente alla newsletter del blog e ad unirti alle migliaia di persone che già fanno parte della community. Riceverai gli estratti delle guide, avrai accesso alle risorse finora inviate agli iscritti,  alcune offerte speciali sui manuali e inoltre riceverai tutti i nuovi articoli direttamente via email.

    Iscriviti ora alla newsletter

*Immagini da Bigstock

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?