TAPPETINO YOGA: guida alla scelta tra i migliori sul mercato

migliori tappetini yogaLa prima cosa che si compra quando si inizia a fare yoga è sicuramente il tappetino e quando si va al negozio ci si fanno sempre le solite domande: quale devo prendere? quanto deve essere spesso? meglio spendere un po’ di meno e cambiarlo più spesso oppure spendere un po’ di più in modo che dura più a lungo? Di che materiale deve essere? E così via…

Spesso però capita che non avendo mai praticato o perlomeno da poco tempo, la scelta che si fa non è delle migliori.

Così può succedere che appena si suda un po’ su inizia a scivolare, quando si fanno delle asana a terra si sta scomodi perché il tappetino è troppo fino e, se non garantisce stabilità può anche succedere che ci si fa male.

La verità è che per praticare yoga c’è bisogno di un buon tappetino in quanto, sopratutto agli inizi, influisce molto sulla pratica.

Mi è capitato di conoscere tanta gente che inizialmente non sapendo quale tappetino da yoga comprare ne sceglie uno senza pensarci due volte solo sulla base del prezzo. Dopo qualche lezione di yoga però si rende subito conto che il tappetino comprato non va affatto bene perché non aiuta affatto nella pratica e così decide di comprarne uno che spesso l’insegnante consiglia.

Proprio per evitare questa situazione così comune ho deciso di fare questa guida approfondita ed una raccolta dei migliori tappetini yoga sul mercato in modo che tu non spenda soldi inutilmente in qualcosa che poi non va bene per la pratica e che allo stesso tempo possa aiutarti a fare una scelta migliore sulla base delle tue esigenze.

Buona scelta 🙂

I materiali da considerare per scegliere un ottimo tappetino da yoga

Attualmente ci sono tappetini yoga fatti dei più svariati materiali e sono proprio questi che influenzano l’aderenza, la durabilità, il confort e la consistenza. La scelta di un materiale o di un altro è solo una questione di preferenze e di come quel materiale reagisce con il proprio corpo.

Adiamo a vederli uno per uno.

  • Cloruro di polivinile (PVC): questo è in assoluto il materiale che permette il minor scivolamento e dura per tantissimo tempo. Tutto questo però a discapito di un impatto negativo sull’ambiente.
  • Cotone: è assolutamente ecosostenibile e ottimo anche per assorbire il sudore, solo che non fornisce il miglior grip.
  • Gomma naturale riciclata: non sarà antiscivolo quanto il PVC ma comunque fornisce sempre un’ottima presa. Chi però è allergico al lattice farebbe meglio ad evitare questo materiale.
  • Iuta: ricavata dalle fibre della pianta dello iuta è ottimo perché fornisce una perfetta presa per una pratica sicura al 100% grazie ad un polimero di resina, PER (Polymer Environmental Resin). E’ un materiale totalmente naturale ed ha anche alcune proprietà antimicrobiche.
  • Bambù, sughero e canapa: anche questi sono altri ottimi materiali totalmente naturali che spesso sono usati per creare validi tappetini yoga.

Aspetti da considerare prima di comprare il tuo tappetino da yoga…

Oltre al materiale ci sono altri aspetti da considerare per scegliere il miglior tappetino per le tue esigenze.

Andiamo ad analizzarli uno per uno:

Lunghezza

Naturalmente devi assicurarti che il tappetino yoga che scegli sia più lungo di tutto il tuo corpo. Quindi se lo compri online controlla la lunghezza, invece se lo compri in un negozio chiesi ad una commessa. Comunque aggiorno tutte le migliori marche creano tappetini piuttosto lunghi che vanno bene per la maggior parte della gente.

Stile di yoga e location

Prima di effettuare l’acquisto pensa al tipo di yoga che praticherai e sopratutto dove lo farai perché questo influisce molto sulla scelta. Per esempio se praticherai un tipo di yoga tranquillo dove starai la maggior parte del tempo seduto, il confort e lo spessore sono la prima cosa da considerare. Se hai intenzione di iscriverti ad una classe di Bikram Yoga, dove si suda moltissimo, sicuramente la priorità sarà un tappetino (e anche un asciugamano) in grado di assorbire bene il sudore e che può essere pulito facilmente. Se invece ti iscriverai ad un corso di yoga più vigoroso come ad esempio il power yoga o l’ashtanga dovrai scegliere un tappetino che ti sostenga perfettamente in ogni posizione e che non sia scivoloso nemmeno quando sei totalmente sudato.

Il prezzo

Come tantissime altre cose in cui paghi per quello che ottieni anche per i tappetini yoga è lo stesso. Il prezzo può variare da 10 fino a 100 euro, un ampio margine. Se pagherai un tappetino solo 10 euro probabilmente non ti durerà a lungo, non ti darà un valido supporto per non scivolare e probabilmente sarà di bassa qualità. Il prezzo si comincia ad alzare di molto se i materiali usati sono ottimi e sopratutto se sono ecosostenibili. Comunque spendere leggermente di più su un ottimo tappetino yoga è sicuramente un ottimo investimento perché ti durerà per moltissimi anni e sicuramente non te ne pentirai.

Durabilità

La durabilità è un altro aspetto sicuramente da considerare. Da una parte dipenderà dalla qualità del tappetino yoga che scegli, ecco perché è meglio spenderci leggermente di più, ma non dimenticarti che dipenderà anche da come lo tieni. Anche i migliori tappetini yoga si romperanno facilmente se non te ne prendi cura, li lasci al sole, li usi all’aperto in modo inappropriato o li lavi nel modo sbagliato.

Spessore, densità e peso

Sono questi i fattori che rendono un tappetino comodo o no ogni volta che ti metti seduto a terra oppure per esempio ogni volta che fai un asana dove ti appoggi sulle ginocchia. E’ giusto scegliere un tappetino abbastanza spesso in modo che ti faccia stare comodo quando pratichi, ma che allo stesso tempo non sia troppo spesso, altrimenti si perde la connessione da terra e molti asana risulteranno più difficili. Inoltre tieni in mente che lo spessore determina anche il peso quindi, se lo devi trasportare spesso, considera di sacrificare un po’ di confort per un minor peso.

Struttura a “celle aperte” o “chiuse”

Un’ultima cosa da considerare è sicuramente la struttura. I tappetini yoga a “celle aperte” sono perfetti per assorbire il sudore e sono consigliati per chi pratica un tipo di yoga in cui si suda moltissimo come ad esempio il bikram yoga o altre forme di hot yoga. Mentre i tappetini yoga a “celle chiuse” non assorbono il sudore, sono più facili da pulire ma se si suda molto si rischia di scivolare.

I migliori tappetini yoga sul mercato attuale

Manduka Pro Lite

Manduka Pro Lite tappetini yoga Attualmente secondo me il Manduka Pro Lite è in assoluto il migliore che si può trovare sul mercato. Se viene comparato con gli altri simili ha un peso di gran lunga minore, ma allo stesso tempo è abbastanza spesso e largo da garantire una grande comodità per la tua pratica. E’ perfetto per qualsiasi praticante sia per la pratica a casa che per essere trasportato dove si vuole. E’ disponibile con ben 12 colori diversi.

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

Manduka eko 5 mm

Manduka eko tappetino yoga per casaIl tappetino yoga Manduka eko invece è perfetto per la pratica a casa ma un po’ meno per essere trasportato altrove. Infatti e’ spesso ben 5 millimetri e garantisce una comodità unica però pesa ben 3 kg e per essere trasportato non è il migliore. Permette un grip senza paragoni per praticare anche in condizioni di intensa sudorazione. E’ un tappetino anche attento all’ambiente, infatti viene realizzato con gomma naturale biodegradabile proveniente da alberi non sono stati abbattuti. Dona comfort e supporto alla tua pratica e allo stesso tempo protegge il pianeta.

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

 

Manduka eKO SuperLite Travel Mat

Manduka Tappetino da viaggio eKO SuperLiteLa ultima creazione da parte del team di Manduka è un tappetino da yoga unico nel suo genere perfetto per tutti gli yogi in movimento. L’eKo SuperLite è senza dubbio il miglior tappetino per tutti coloro che praticano continuamente in luoghi differenti e che necessitano di trasportare continuamente il tappetino con loro. Infatti pesa soltanto 1 kg , ben 1/3 della maggior parte dei tappetini normali e può essere piegato a proprio piacimento in modo da adattarsi a qualsiasi spazio disponibile nella borsa o in valigia. Appena è uscito non ho potuto fare a meno di ordinarlo ed ora lo porto sempre con me :-).

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

 

Yogi Star tappetino yoga sun – 6 mm

Yogi Star tappetino yoga sun 6 mmUna valida alternativa a Manduka eko è sicuramente questa versione creata dalla conosciutissima marca Yogi Star. Questo rappresenta il compagno ideale per una pratica comoda, in quanto è spesso ben 6 millimetri, e sicura allo stesso tempo poiché offre un’altissima resistenza allo scivolamento. Rispetto a molti altri tappetini yoga che hanno lo stesso spessore è stato creato appositamente più leggero e pesa 2,5 kg. Perfetto per la pratica a casa, ma anche comodo e non troppo pesante per essere trasportato.

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

 

Tappetino da viaggio Jade Yoga Travel Mat 3mm

tappetino da viaggio jade yogaMolto più fino della maggior parte dei normali tappetini yoga da studio, il Jade Yoga Travel Mat è la scelta ideale per chiunque si muova molto ed ha la necessità di trasportare il proprio tappetino sempre con se.

Pesa soltanto 1,3 kg e può essere sia arrotolato che piegato a proprio piacimento in modo che può essere messo anche negli spazi più piccoli.

Anche se molto fino è molto comodo, ha una superficie antiscivolo ed è stato creato in modo ecosostenibile.

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

 

Tappetino Jade Yoga Harmony Professional

Tappetino Jade Yoga Harmony Professional

Il tappetino Jade Yoga Harmony Professional è perfetto per chi vuole un tappetino comodissimo per praticare comodamente ma che anche la necessità di trasportarlo.

E’ stato creato appositamente per attutire il peso del praticante e per garantire una superficie antiscivolo anche in condizione di intensa sudorazione.

Queste caratteristiche rendono tappetino Jade Yoga Harmony Professional la scelta ideale per chi ha bisogno sia di confort che di perfomance.

Dal teama di Jade Yoga viene creato usando gomma naturale proveniente da alberi non abbattuti e tutti i processi di lavorazione sono assolutamente ecosostenibili.

pulsante amazonpulsante recensione 2

 

 

Conclusioni

Ritengo che il tappetino yoga debba essere qualcosa in cui ci si sente comodi ed a proprio agio ogni volta che si usa. Con il tempo diventerà come un vero e proprio spazio dove ci si può sentire a casa ogni volta che si pratica.

Se già pratichi yoga chiedi ad altri praticanti ed alla tua insegnante e, se hai la possibilità, provane anche più di uno. E’ un oggetto che ti accompagnerà nella tua pratica quotidiana per anni e proprio per questo è importante scegliere bene.

Ho cercato di raccogliere quante più informazioni possibili e spero che questa pagina ti aiuti a fare un ottima scelta e trovare un tappetino yoga perfetto per la tua pratica.

Se è così ti invito a condividere questo articolo nel tuo social preferito in modo che sarà utile anche ad altri yogi che stanno decidendo quale tappetino comprare.

Infine se hai provato uno di questi tappetini o ne hai qualcuno da suggerire fammelo sapere nei commenti, sicuramente saranno utili ai futuri lettori 🙂

Lo yoga ti appassiona e vuoi migliorare la tua pratica?

Iscriviti e non perderti i nuovi articoli. Più di 4000 yogi e yogini già lo hanno fatto.

In regalo per te l'estratto della mia guida.

Lo yoga ti appassiona e vuoi migliorare la tua pratica?

Iscriviti e non perderti i nuovi articoli. Più di 4000 yogi e yogini già lo hanno fatto.

In regalo per te l'estratto della mia guida.