Forza di volontà: come migliorarla grazie allo yoga 4.57/5 (7)

Sicuramente hai notato che ci sono persone che hanno una maggiore forza di volontà e altre meno, vero?

Secondo me non è così.

Tutti noi abbiamo le stesse possibilità e la volontà non è un fattore genetico dovuto alla casualità bensì una dote che si può sviluppare.

Ma bisogna sapere come farlo.

Lo yoga è una disciplina incredibile e, proprio come per altre doti importanti, ti può aiutare a sviluppare una forza di volontà d’acciaio che poi potrai usare in qualsiasi ambito della tua vita.

Scoprirai come farlo in questo articolo.

Buona lettura 😉

Come funziona la forza di volontà

come funziona la forza della volontà

Alcuni di noi hanno una forza di volontà incredibile sul cibo riuscendo a mangiare sempre sano e ad evitare cibo spazzatura ma quando si tratta di fare un’attività fisica dimenticano di averla.

Altri invece hanno una determinazione unica nel lavoro poi però quando si tratta di smettere di fumare non ci riescono ed è una causa persa.

La volontà è qualcosa che tutti noi abbiamo anche se a volte non può sembrare così e capire come funziona sicuramente può aprire la strada per riuscire a usarla negli ambiti della vita che vogliamo.

Ce lo spiega molto chiaramente l’esperta psicologa McGonigal nel suo libro famoso libro “The Willpower Instinct“.

Lei spiega che il cervello possiede tre sistemi che influiscono sulla forza della volontà:

  • Il sistema del “farò”;
  • Quello del “non farò”;
  • E quello del “voglio”.

Sono proprio questi 3 comandi che vengono usati quando si tratta di superare i nostri desideri primitivi.

Il primo “il farò” entra in gioco ogni volta che ci proponiamo di fare qualcosa come ad esempio aprire il tappetino da yoga. Il secondo “il non farò“serve per resistere alle tentazioni che quotidianamente abbiamo. Il terzo invece, “il voglio” serve per creare nella mente l’immagine di quello che vogliamo raggiungere.

Sono proprio questi 3 sistemi su cui dovresti lavorare per rafforzare la tua forza di volontà.

Un ultimo meccanismo del cervello che secondo me è importante conoscere per migliorare la volontà è il principio secondo il quale il potere della volontà si rafforza ogni volta che la usi e si indebolisce quando fai l’opposto.

Proprio come un muscolo. Non a caso infatti si parla spesso del muscolo della forza della volontà.

In poche parole ogni volta che prendi una decisione in accordo con il tuo scopo da raggiungere la mente si rafforza e migliora nel prendere le decisioni future.

Questo principio è a mio parere è importantissimo perché ti permette di capire che la volontà può essere allenata, proprio come qualsiasi altro muscolo del corpo.

Andiamo a vedere come puoi farlo…

Come lo yoga e la meditazione aiutano ad allenare la forza di volontà

yoga per volontàPer vedere risultati nello yoga la cosa più importante è la costanza nella pratica.

E come ad arrivare a praticare costantemente?

Usando la forza di volontà. Senza di questa non riuscirai a aprire il tappetino ne per meditare ne per praticare gli asana.

Quando si inizia a fare yoga bisogna costantemente “sacrificare” il tempo che prima si dedicava ad altre attività per dedicarlo alla pratica e per fare questo bisogna sviluppare una volontà di ferro.

Ogni volta che decidi di aprire il tappetino o sederti sul tuo cuscino da meditazione stai allenando la tua forza di volontà.

La cosa più importante è iniziare a farlo.

Inizialmente può sembrare un sacrificio ma quando ti senti meglio sia fisicamente che mentalmente non puoi fare altro che continuare a farlo 😉

Un altro aspetto dello yoga che è strettamente correlato con la forza di volontà è manipura, il terzo chakra, che è legato all’elemento fuoco.

Anodea Judith nel suo fantasto libro “Chakra, ruote di vita” spiega quanto è importante la volontà:

Grazie alla volontà riusciamo a liberarci degli schemi prefissati e a creare un comportamento nuovo. E’ la nostra volontà ad allontanarci dalla via della minore resistenza, dell’abitudine, dell’assuefazione o delle aspettative degli altri. Grazie alla nostra volontà compiamo azioni difficili o pericolose, muovendoci verso qualcosa di nuovo. E mentre compiamo queste azioni, iniziamo a trasformarci, ma il primo passo consiste nello spezzare i vecchi  schemi. 

Ora invece andiamo a vedere alcuni esercizi yoga ottimi per rafforzarla.

Posizioni yoga per migliorare la forza di volontà

Come abbiamo appena visto la forza di volontà è un aspetto legato al terzo chakra, perciò possiamo usare alcune posizioni yoga per riequilibrarlo.

Un ottima posizione che va a lavorare in particolare su manipura è Salabhasana, la posizione della locusta.

Ecco come farla:

  1. salabhasana posizione yoga forza di volontàDistenditi sul tappetino con la pancia in sotto e la fronte sul tappetino. Le mani invece sono distese verso l’indietro accanto al bacino e palmi sono rivolti verso il corpo.
  2. Inspirando solleva verso l’alto sia il busto che le gambe. Lo sguardo e in avanti su un punto fisso.
  3. A questo punto mantieni le spalle aperte. Il respiro dovrebbe essere calmo e regolare anche mentre si esegue la posizione.
  4. Mantieni la posizione per qualche respiro fino a che ti senti comodo/a dopodiché espira ed riabbassa sia il busto che le gambe.
  5. Una volta uscito dalla posizione puoi riposarti appoggiando la fronte sulla mani oppure eseguendo Balasana.

Un altra posizione che ti consiglio di praticare se vuoi rafforzare la forza di volontà è Navasana, la posizione della barca.

  1. navasana per volontàInizia sedendoti sul tappetino con le ginocchia piegate, le piante dei piedi a terra e le mani accanto ai fianchi. Prendi contatto con la respirazione e rendila profonda, calma e regolare.
  2. Inspirando, piegati leggermente all’indietro e porta le tibie parallele al pavimento. Tutto questo facendo attenzione a mantenere la schiena dritta.
  3. A questo punto apri il petto e porta le braccia parallele al tappetino all’altezza delle spalle. I palmi delle mani sono rivolti uno verso l’altro.
  4. Trova il tuo equilibrio sugli ischi facendo attenzione che il petto non si chiuda e che la bassa schiena non collassi.ardha navasana asana per tenacia
  5. Nella successiva espirazione allunga le gambe portandole a circa 45° dal tappetino mantenendole unite. Lo sguardo è in avanti sugli alluci. Le spalle aperte e verso il basso.
  6. A questo punto mantieni la posizione per qualche respiro assicurandoti che quest’ultimo sia sempre calmo, profondo, regolare e che non sia trattenuto.
  7. Esci dalla posizione piegando sia le gambe che le braccia riportandole sul tappetino.

E’ una posizione molto intensa e richiede tanta pratica per essere eseguita bene. Se vuoi semplificarla puoi anche piegare le ginocchia e portare le tibia parallele al pavimento. Questo dettaglio ti faciliterà enormemente il mantenimento di Navasana.

L’ultima posizione che ti consiglio è Ardha Marychasana e anche questa va a lavorare sul terzo chakra e quindi agisce sulla volontà.

  1. Parti sedendoti in Dandasana, la posizione del bastone.ardha marychasana forza di volontà
  2. Piega il ginocchio destro e porta il piede vicino al bacino.
  3. Inspira allungando la schiena ed espirando effettua una torsione del busto verso destro abbracciando la gamba piegato con il braccio sinistro. Il braccio destra invece va a terra ti aiuta sia a mantenere la colonna vertebrale dritta che ad approfondire la posizione.
  4. Respira profondamente e quando ti senti di uscire dalla posizione fallo lentamente e con un inspirazione.

ardha marychasana 2Se invece vuoi rendere leggermente più intensa questa posizione puoi eseguire la variante nella figura sottostante.

In questa posizione il piede piegato si trova oltre quello allungato e la spalla sinistra in questo caso supera il ginocchio.

Sono due piccoli dettagli ma rendono Ardha Marychasana leggermente più intensa.

Se hai difficoltà ha mantenere la schiena dritta puoi usare un blocco o un cuscino da mettere sotto al sedere.

Se hai appena iniziato a fare yoga oppure vuoi cominciare dai un occhiata alla mia guida premium EasyYoga è un manuale perfetto per chi si sta approcciando a questa disciplina e vuole farlo nel migliore dei modi.

Come mettere in pratica gli insegnamenti dello yoga nella vita per ottenere una forza di volontà di ferro

forza della volontaà con gli insegnamenti yogaNaturalmente le cose che ci insegna lo yoga dovrebbero essere in qualche modo messi in atto anche nella vita e non solo sul tappetino.

Spesso però non è semplice farlo, non è vero?

Secondo me per sviluppare la forza della volontà e superare gli ostacoli più facilmente possiamo seguire questi 3 step.

Andiamo a vederli uno per uno.

1. Scopri cosa vuoi veramente

cosa vuoi veramenteNon prendiamoci in giro, non si può cambiare la nostra vita dall’oggi al domani. Proprio per questo è importante che ti dai delle priorità.

Prenditi qualche minuto per analizzare la tua vita e cerca di capire su che cosa usare la forza di volontà.

Fatti delle domande e, in base alle tue risposte, cerca di scoprire cosa vuoi veramente.

Questo ti permetterà di focalizzare la forza di volontà su un obbiettivo specifico e di non disperderla in più cose.

2. Inizia con dei piccoli obbiettivi

piccoli ostacoliNon si può iniziare a scalare l’Everest, è una battaglia persa ancora prima di iniziare.

Non è vero?

Cerca di cambiare piccole cose nella tua vita. Ricordati che tanti piccoli cambiamenti ne fanno uno gigante.

Oppure cerca di dividere un obbiettivo grande in tanti piccoli obbiettivi più piccoli.

Anche se è piccolo, ogni successo va a rafforzare il “muscolo della forza di volontà” e lo prepara così ad affrontare sfide più grandi.

3. Individua e affronta le difficoltà senza arrenderti mai

non arrendersi In ogni cambiamento che farai nella tua vita incontrerai delle difficoltà.

La mente tende a stare nel conosciuto, la cosiddetta “zona di confort”, piuttosto che conoscere il nuovo.

Però, individuare le difficoltà che il cambiamento porterà può essere un modo per renderlo più semplice.

Una volta individuate vanno affrontate una per una.

Ogni volta che ti si presenteranno sarà una buona occasione per capire quanto vuoi veramente una cosa e per rafforzare il muscolo della volontà.

Anche se a volte non le superi non preoccuparti continua ad affrontarle proprio come faresti con una posizione yoga impegnativa. Non avere fretta ma metti tutto il tuo impegno nel farlo.

Prima o poi una posizione riesce e lo stesso principio vale per le difficoltà

Non è importante solo dare il massimo ma anche non arrendersi mai. Prima o poi riuscirai a superarle.

Conclusioni

Se hai letto attentamente questo articolo ora sicuramente avrai capito che la forza della volontà non dipende dalla genetica ma è un’abilità che si può allenare e lo yoga con la meditazione sono degli strumenti incredibili per farlo.

Naturalmente il tappetino dovrebbe essere aperto costantemente e anche a casa, altrimenti i risultati difficilmente si vedranno.

A me questa disciplina ha aiutato e continua a farlo non solo con la forza di volontà ma anche in numerosi altri aspetti. Spero veramente che questo articolo ti dia la motivazione per iniziare a fare yoga o magari, se già lo fai, per praticarlo più costantemente.

Namaste 😀

Se ancora non l’hai fatto, ti invito ad iscriverti qui alla newsletter di AtuttoYoga per ricevere tutti i nuovi articoli direttamente nella tua email. Oltre ad un articolo a settimana, riceverai anche del materiale gratuito riservato agli iscritti e l’estratto della mia guida.

*Immagini tratte da Bigstock

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?